🤰 10 STORIE EMOZIONANTI SU LORD GANESHA PER I BAMBINI CON LA MORALE - RAGAZZO GRANDE(2019)

🔽10 affascinanti storie di Lord Ganesha per bambini con morale🔽

Contenuto:

Tra una moltitudine di dei che sono presenti nel pantheon della mitologia indù, Lord Ganesha è forse uno dei più popolari. I suoi idoli sono onnipresenti in quasi ogni angolo del paese e c'è un enorme interesse intorno alla celebrazione di Ganesha Chaturthi. Ciò potrebbe anche essere dovuto alla fonte stessa del nome Ganesha, che è stato formato da due parole. "Gana" significa le masse di persone e "isha" è usato per riferirsi a un dio. Questo, letteralmente, rende Ganesha il Signore delle masse. Lord Ganesha è stato adorato per molti anni e le sue storie hanno guadagnato molta popolarità tra la gente.

Storie interessanti di Lord Ganesha per bambini

I bambini potrebbero non essere interessati alle lunghe puja e alle procedure di adorazione di Lord Ganesha. Tuttavia, puoi introdurli a varie storie che circondano questa divinità mitologica e lasciarli rimanere sbalorditi da quanto siano meravigliosi alcuni di loro.

1. La storia della sua nascita

Iniziamo dall'inizio con la storia della nascita di Lord Ganesha.

Il signore Shiva e la dea Parvati sarebbero rimasti sul monte Kailash, facendone la loro dimora. La maggior parte delle volte, Shiva sarebbe stato fuori adempiere ad altre responsabilità mentre Parvati era da solo sulla montagna.

Un giorno, in un'occasione simile, Parvati dovette andare a fare un bagno e non voleva essere disturbato da nessuno. Parvati finì per fare una statua di un bambino dalla curcuma e respirò la vita in lui. Chiamò il bambino Ganesha, e lui era assolutamente fedele a lei. Gli ha chiesto di sorvegliare la casa mentre faceva il bagno. Ancora una volta, Shiva si presentò e procedette ad entrare in casa. Ma questa volta, è stato fermato da Ganesha che si è rifiutato di spostarsi. Shiva non sapeva chi fosse questo bambino sconosciuto, così chiese alle sue forze di distruggere il bambino. Ma Ganesha aveva il potere conferitogli da Parvati e sconfitto l'esercito di Shiva. Shiva, noto per la sua estrema furia, ha perso il controllo sulla sua rabbia e ha finito per decapitare Ganesha.

Quando Parvati uscì e vide il cadavere della sua creazione, la sua furia non conosceva limiti. Ha attaccato Shiva e minacciato di distruggere l'intero universo come conseguenza di quelle azioni. Ora, l'universo era sotto la responsabilità di Bramha, Vishnu e Shiva. Brahma assistette all'ira di Parvati e si scusò con lei a nome di Shiva, consigliandola di non distruggere l'universo. Parvati si rassegnò alle condizioni in cui Ganesha sarebbe tornato in vita e sarebbe stato adorato come il Dio primario. Anche Shiva ha realizzato l'errore commesso nella sua rabbia e si è scusato con Parvati. Ha consigliato alle sue truppe di andare nella foresta e prendere la testa del primo animale che individuano. Per inciso, si imbatterono in un elefante e riportarono indietro la testa. Questo è stato quindi posto sul corpo e Shiva lo ha riportato in vita, accettandolo anche come suo figlio. È così che Ganesha nacque come sappiamo e ora è adorato come il dio degli dei.

Morale

Per quanto questa storia parli della nascita, ci insegna un'importante lezione su come la rabbia può causare danni ai nostri vicini e cari e quanto sia necessario correggere i nostri errori il prima possibile.

2. La storia del cono mancante

Questa è una storia meravigliosa che ha mostrato come persino il Signore Vishnu ha dovuto cedere alle buffonate di Ganesha.

Si sapeva che Visnu aveva una conchiglia con lui che teneva sempre con se stesso. Un bel giorno, notò che mancava la conchiglia e che non si trovava da nessuna parte. Ciò lo irritò moltissimo e radunò tutti i suoi poteri nella ricerca della conchiglia.

Mentre la ricerca della conchiglia era iniziata, il Signore Vishnu cominciò improvvisamente a sentire il suono della conchiglia che emanava da lontano. Iniziò a cercarlo in quella direzione e presto si rese conto che il suono proveniva dal Mount Kailash stesso. Quando raggiunse la montagna, scoprì che la conchiglia era stata presa da Lord Ganesha e che era impegnato a soffiare. Sapendo che Lord Ganesha non si placherà facilmente, ha cercato Shiva e gli ha chiesto di chiedere a Ganesha di restituirgli la conchiglia.

Shiva disse che anche lui non aveva alcun potere sui desideri di Ganesha e l'unico modo per placarlo era eseguire una puja per lui. Quindi il Signore Vishnu lo ha fatto. Ha creato tutti gli elementi necessari per la puja e ha adorato Ganesha con il suo cuore. Vedendo ciò, Ganesha fu estremamente compiaciuto e gli restituì la conca di Vishnu.

Morale

La storia rivela in modo abbastanza interessante il lato divertente di Lord Ganesha e delle sue buffonate. Inoltre, ci insegna sull'umiltà mostrando come un Dio grande come Vishnu, non ha esitato ad adorare Ganesha.

3. La storia della battaglia fallita di Shiva

Lord Shiva e Lord Ganesha hanno molte storie insieme. Tuttavia, questa storia va oltre la relazione tra padre e figlio e insegna una lezione molto importante.

Quando la testa dell'elefante fu procurata e Ganesha fu riportato in vita, Shiva prestò ascolto ai desideri di Parvati e stabilì che prima di iniziare con qualsiasi nuovo sforzo, era necessario adorare il Signore Ganesha e ottenere le sue benedizioni. Tuttavia, Shiva ha dimenticato che la regola si applicava anche a lui.

In una di queste occasioni, Shiva si stava dirigendo alla guerra con i demoni e procedette a portare con sé tutto il suo esercito. Ma nella fretta di partire per la battaglia, ha dimenticato di adorare Ganesha per primo. Ciò li ha portati ad affrontare molti problemi anche prima di raggiungere il campo di battaglia. Sulla strada per la posizione della battaglia, la ruota del carro da guerra fu danneggiata e il progresso si fermò. Questo sembrò un intervento divino per Shiva e improvvisamente si ricordò che aveva completamente dimenticato di adorare Ganesha prima di andare in battaglia.

Fermando tutte le sue truppe, Shiva procedette ad allestire la puja lì e là e completò i rituali adorando Ganesha. Con le benedizioni di Ganesha, Shiva procedette avanti e lui e il suo esercito riuscirono a sconfiggere completamente i demoni.

Morale

Questo dimostra che non importa chi sei, una volta che hai creato una regola, si applica a tutti allo stesso modo.

4. La storia della saggezza di Ganesha

Lord Ganesha è chiamato il dio della conoscenza e della saggezza e c'è una storia spettacolare che illustra perché è così.

Ganesha aveva un fratello minore chiamato Karthikeya. Entrambi andrebbero d'accordo ma, proprio come tutti gli altri fratelli, avrebbero avuto momenti di discussioni e litigi. In uno di questi giorni, Ganesha e Karthikeya hanno entrambi trovato un frutto unico nella foresta e l'hanno afferrato insieme. Si sono rifiutati di condividerlo tra loro e hanno cominciato a reclamare il frutto da soli.

Quando raggiunsero il Monte Kailash e presentarono questa situazione a Shiva e Parvati, Shiva fece una proposta. Riconobbe il frutto e disse che questo frutto è noto per concedere l'immortalità e una vasta conoscenza quando viene mangiato dal legittimo proprietario di esso. Per scegliere chi ottiene, Shiva ha proposto una sfida. Ha chiesto a Ganesha e Karthikeya di eludere il loro mondo 3 volte. Chiunque lo faccia prima e torni al Monte Kailash, sarebbe il legittimo proprietario del frutto.

Karthikeya saltò immediatamente sul suo pavone domestico e volò rapidamente per completare tre rivoluzioni attraverso la Terra. Ganesha era un po 'tarchiato rispetto a Karthikeya e il suo animale domestico era un topo che non poteva volare. Dopo aver ascoltato correttamente la proposta di Shiva, Ganesha iniziò a camminare attorno a Shiva e Parvati e completò tre cerchi intorno a loro. Quando è stato chiesto da Shiva, Ganesha ha risposto che Shiva aveva chiesto loro di eludere il loro mondo. E per Ganesha, i suoi genitori erano più del mondo. Erano l'intero universo.

Shiva fu toccato e impressionato dalla saggezza di Ganesha e lo vide come il legittimo proprietario del frutto.

Morale

Non solo questa storia è un ottimo esempio di come usare la tua saggezza può aiutare a risolvere una situazione in modo intelligente, ma insegna anche che ai tuoi genitori dovrebbe essere dato il rispetto e l'amore che meritano.

5. La storia delle piaghe di Parvati

Questa meravigliosa storia è un grande esempio di come tutto il mondo sia una singola unità.

Ganesha era noto per essere un bambino malizioso e si lasciava andare a una serie di attività cattive. Una volta, si è imbattuto in un gatto mentre stava giocando, e ha continuato a scherzare con esso. Raccolse il gatto e lo gettò a terra, tirando la coda e divertendosi con esso, mentre il gatto miagolava dal dolore. Ganesha non se ne accorse e giocò fino a quando non fu stanco e poi tornò a casa.

Arrivando al Monte Kailash, Ganesha fu scioccata nel vedere Parvati sdraiato fuori casa, con ferite su tutto il corpo, e pianto dal dolore. Ganesha si precipitò da lei e le chiese chi lo avesse fatto. Al che Parvati rispose che lo stesso Ganesha le aveva fatto questo. Il gatto era in realtà una forma di Parvati e voleva giocare con suo figlio. Ma Ganesha la trattava ingiustamente e spietatamente e le sue azioni sul gatto si riflettevano su sua madre.

Ganesha era assolutamente dispiaciuto per il suo comportamento e ha giurato di trattare tutti gli animali in modo gentile con cura e affetto.

Morale

Questa storia fornisce una lezione molto importante che fa agli altri ciò che vorresti che gli altri facessero a te. E questo include anche gli animali, prestando attenzione a loro, e non causando alcun danno a nessuno.

6. La storia della caduta di Kubera

Kubera era un Dio famoso che era molto popolare per essere il più ricco di tutti nell'intero universo. Aveva un tesoro di ricchezza e avrebbe accumulato tutto per sé con orgoglio.

Un giorno, invitò molti ospiti a cena, tra cui Shiva e Parvati. Ma entrambi non potevano partecipare alla cena, quindi mandarono Ganesha come loro rappresentante. Ganesha ha notato il comportamento di Kubera e ha deciso di lasciar perdere le sue buffonate. Cominciò a divorare la cena rapidamente e finì per finire tutto il cibo lasciando quasi nulla per gli altri ospiti. Eppure la sua fame non era saziata. Così finì per entrare nella collezione di ricchezza di Kubera e iniziò a mangiare tutti gli oggetti d'oro e ricchi. Ancora insoddisfatto, Ganesha quindi procedette a mangiare lo stesso Kubera, che correva verso il Monte Kailash per proteggersi.

Shiva, vedendo il motivo dietro il comportamento di Ganesha, offrì una semplice ciotola di cereali a Ganesha. Li mangiò e fu subito soddisfatto. Kubera ha imparato a non ammassare avidità la ricchezza e ha accettato di distribuirlo tra tutti.

Morale

La storia mostra come l'avidità e l'orgoglio possono essere dannosi per una persona ed è necessario essere premurosi verso tutti.

7. La storia della creazione di Kaveri

Comincia con il desiderio di un saggio chiamato Agastya che desiderava creare un fiume che potesse beneficiare le persone che soggiornavano nelle terre del sud. Gli Dei accolsero il suo desiderio e gli presentarono una piccola ciotola contenente acqua. Dovunque versasse la ciotola, il fiume avrebbe avuto origine da lì.

Agastya decise di creare l'origine oltre le montagne di Coorg e vi si recò. Durante il viaggio, si stancò e iniziò a cercare un posto dove riposare. Proprio in quel momento, si imbatté in un bambino che stava in piedi da solo. Gli ha chiesto di tenere la pentola d'acqua mentre andava e si è liberato. Il ragazzo era Ganesha stesso. Sapeva a cosa serviva l'acqua e si rese conto che la posizione in cui si trovava era perfetta per il fiume. Così ha messo giù il piatto.

Quando Agastya tornò, vide il vaso sul terreno e un corvo che cercava di bere acqua da esso. Scacciò via il corvo, che volò via ma non prima di rovesciare la pentola sul terreno. Ciò ha provocato il fiume proveniente da quel luogo stesso, che ora è chiamato il fiume Kaveri.

Morale

A volte, le cose potrebbero non funzionare sempre nel modo in cui desideriamo. Tuttavia, ciò che accade accade per una buona ragione.

8. La storia della singola zanna di Ganesha

Ci sono molte versioni che spiegano questo, ma questa storia di Bal Ganesh lo fa meglio.

Come dice la leggenda, il Mahabharata è la creazione di Ved Vyas, ma si dice che sia stato scritto da Lord Ganesha stesso. Ved Vyas si avvicinò a Ganesha in modo che potesse trascrivere la storia epica mentre la raccontava a lui. La condizione era che Vyas dovesse narrarlo senza interruzioni e Ganesha lo avrebbe scritto in un colpo solo.

Mentre progredivano nello scrivere la storia, arrivò un punto in cui la penna che Ganesha stava usando per scriverla si spezzò e non ebbe altri aculei con lui in quel momento. Ved Vyas non poteva smettere di narrare la storia dal momento che la condizione era già stata fissata per lui. Senza perdere tempo, Ganesha ruppe rapidamente una delle sue zanne e la modellò in una penna, usandola per continuare a scrivere l'epopea senza interruzioni. Ciò ha permesso all'epica di diventare santa e Ganesha e Vyas hanno finito per completarlo insieme.

Morale

Questa storia di Ganesha mostra molto chiaramente quanto sia necessario essere disciplinati e determinati a completare un compito una volta che si è accettato di completarlo, qualunque cosa accada. Un sacrificio personale potrebbe anche essere necessario per completare qualcosa di epico.

9. La storia di The Lunar Curse

Questa storia segue subito dopo gli atti della cena di Kubera.

Dopo aver mangiato a suo piacimento, lo stomaco di Ganesha era diventato tremendamente grande e si era procurato un ventre di pancetta. Andare in giro con lui è diventato difficile per lui e mentre si muoveva, ha finito per perdere l'equilibrio e inciampò e cadde. La luna, che stava osservando tutto questo, cominciò a ridere della situazione di Ganesha. Vedendo la luna umiliarlo, Ganesha ha maledetto la luna, rendendola completamente invisibile. La luna, rendendosi conto del suo errore, iniziò a chiedere perdono a Ganesha. Rincuorando le sue incessanti scuse, Ganesha decise allora di ambientare un ciclo in cui la luna appariva e scompariva ogni 15 giorni.

Morale

Non si dovrebbe mai ridere dei problemi o delle deformità di qualcun altro. Questo è scortese e non è un segno di buon comportamento.

10. La storia del dolce Kheer

Una volta Ganesha entrò in un villaggio sotto forma di ragazzo, tenendo il riso in una mano e il latte nell'altra. Ha iniziato a chiedere aiuto per fare qualche kheer ma tutti erano occupati.

Raggiunse la capanna di una povera donna che accettò di fare il kheer per lui. Mentre lo mescolava e preparava la pentola per cucinare, si addormentò e il ragazzo andò a giocare. Al risveglio, si rese conto che il kheer aveva cucinato ed era estremamente delizioso.

Era troppo affamata e non poteva resistergli. Ma prima di mangiare il kheer, ne estrasse un po 'in una ciotola e lo offrì all'idolo di Ganesha e poi cominciò a mangiare il kheer. Non importa quanto abbia mangiato, il piatto non si è mai svuotato. Quando il ragazzo è tornato, la donna gli ha dato l'intero piatto e ha confessato di averlo mangiato prima di lui perché aveva fame. Il ragazzo rispose dicendo che lo mangiò anche quando offrì la ciotola all'idolo di Ganesha. La donna cominciò a piangere ai suoi piedi e Ganesha la benedisse con ricchezza e salute.

Morale

Prima di prendersi cura delle proprie necessità, assicurati di adorare Dio e di tenere qualcosa da parte anche per gli altri.

Raccontare ai tuoi figli la storia del matrimonio di Lord Ganesha e numerosi altri dal tesoro della mitologia è un ottimo modo per presentarli a Lord Ganesha. Vari puja e rituali possono sempre essere una parte della casa, ma ciò che è necessario è tenere Dio nel tuo cuore e aderire ai principi da lui proposti.

Articolo Precedente Articolo Successivo

Raccomandazioni Madri‼